Contenuto principale

fatebenefratelliIl complesso architettonico denominato Centro Fatebenefratelli, ubicato nel cuore di Valmadrera, tra la chiesa parrocchiale e il municipio, deve la sua intitolazione agli antichi diritti di proprietà vantanti nel paese dai frati dell'ordine ospedaliero di S. Giovanni di Dio di Milano, conosciuti come Fatebenefratelli.

I rapporti tra la congregazione ed il paese di Valmadrera risalgono al Seicento, a seguito dei lasciti testamentari in Valmadrera da parte del nobile Francesco Mandelli residente nella Parrocchia di san Bartolomeo in Porta Nuova a Milano ai frati dell’ordine ospedaliero.

I religiosi entrarono effettivamente in possesso dell'eredità solo nei primi anni del Settecento: dall’inventario redatto accuratamente nel 1787 risulta che il complesso comprendeva allora una casa da nobile, nella parte nord-ovest, e una serie di edifici corrispondenti alla stalla con cascina e torchiera con due tinere.
E’ probabile che i religiosi abbiano apportato modifiche strutturali al complesso edilizio, in relazione agli obblighi assistenziali del loro Ordine; fecero inoltre dipingere, sulla parete destra del portico del palazzo nobile, un affresco con la Vergine e due angeli che porge il Bambin Gesù a S. Giovanni di Dio: l'affresco, strappato nel 1987 è oggi conservato all'interno della Biblioteca civica.

Ulteriori ristrutturazioni furono determinate dallo sviluppo di attività rurali e manifatturiere: in particolare furono aggiunti una scuderia e una filanda con dieci fornelli, che si trovavano molto probabilmente negli edifici posti nella parte nord.

Il complesso del Centro Fatebenefratelli, acquistato dall’Amministrazione Comunale negli anni Ottanta, ha subìto radicali ristrutturazioni ed è oggi costituito da vari edifici distribuiti sui tre lati di un cortile di forma trapezoidale, posto in comunicazione con l'orto botanico, situato ad un livello inferiore.
Sul lato nord ovest si trova un palazzo di aspetto seicentesco con portico coperto da volte a crociera, restaurato all’inizio degli anni Duemila; alcune delle finestre del piano superiore sono ornate da balaustre in ferro battuto recante il simbolo dei Fatebenefratelli, un melograno da cui sorge la croce di Cristo.
In questo edificio si trovano la Biblioteca Civica e la Sala Consiliare.

Nel settore settentrionale si trova un palazzo che ha subito una radicale ristrutturazione interna nel 1983 - 1985 ed ospita ora una sala riunioni al piano terreno e una sala mostre al piano superiore. I locali affacciati sull’orto botanico sono adibiti attualmente a Punto Giochi. .

Il settore meridionale, anch'esso restaurato nel 1983 – 1985, ospita l'Auditorium (corrispondente all'antica filanda) e la saletta riunioni con volta a botte ribassata con otto lunette (in origine le stalle).

Dal quarto lato del cortile si accede all’orto botanico, realizzato in seguito a un corso di erboristeria tenutosi a Valmadrera nel 1986 nello spazio probabilmente già adibito dai religiosi ad orto botanico per piante officinali (Giardino dei Semplici). Le specie attualmente ospitate sono circa 450; ogni pianta è identificata da una targhetta che indica il nome comune, il nome latino e la famiglia.