Contenuto principale

casottePer molto tempo, fino a pochi anni fa, si riteneva poco importante e di nessun valore culturale, studiare, rispettare e salvaguardare le forme dell'antica vita contadina: solo ora, forse tardivamente, la riscoperta dei valori della tradizione agreste ha rivalutato queste espressioni anche nelle loro strutture architettoniche.
Esistono due tipi di costruzione: a volta, nella maggioranza dei casi, e a punta. La muratura era a secco, con sassi allineati secondo corsi regolari, ricoperti con la terra.

Nel nostro territorio e nei dintorni, se ne trovano circa cinquecento, molte ancora in buono stato, mentre alcune sono irrimediabilmente andate in rovina e altre hanno bisogno di interventi.
Queste strutture erano indispensabili per rifugiarsi in caso di brutto tempo, mettere al riparo il fieno, lasciare gli attrezzi dei lavori contadini.

Molto ricca di queste strutture caratteristiche è anche la zona dei prati che da S.Tomaso portano alla "Corna Rossa".
L’assenza di manutenzione e la presenza di alberi ha determinato col passare degli anni, per l'azione delle radici, la caduta della struttura di alcuni di essi , oppure questa stessa fine è stata causata dal fatto che sono stati tolti i sassi portanti.

In altri casi, senza molto rispetto per l'ambiente montano, sono stati cementati i sassi ed è stata costruita una porta d'entrata: chiaramente, in questo modo, è andata persa la caratteristica tipica di questa costruzione.